Frecciarossa 1000, il Comitato risponde a Matera: “La speranza è che i contatti portino a qualcosa, ovvero la fermata a Sicignano”

Il Comitato per la riattivazione della ferrovia Sicignano – Lagonegro apprende con interesse, non senza un pizzico di sconforto, la posizione espressa da Corrado Matera. 

Secondo l’assessore valdianese, infatti, l’operazione di attivazione della corsa Milano/Taranto sarebbe utilissima per il territorio a Sud di Salerno. Posizione che anche il Comitato appoggia, così come è concorde con l’esponente della Giunta De Luca sul fatto che ci sia tanto da lavorare.

Incredibile ma vero: il Frecciarossa nel week end arriva nel Vallo di Diano. Oltre il danno, la beffa..

Il Vallo di Diano continua ad essere dimenticato, preso in giro e beffato. Ci si mette persino Trenitalia a sparare sulla croce rossa tramite il proprio sito ufficiale, dove sbandiera l'arrivo del Frecciarossa nel Cilento e Vallo di Diano senza considerare che il treno, nella zona valdianese, non arriva più da trent'anni.

Errori grossolani nella pubblicità, come accadde qualche anno fa quando per le promozioni degli allora Eurostar per il periodo natalizio si prendeva ad esempio la possibilità di raggiungere in treno Matera, uno dei pochi capoluoghi di provincia a non essere coperta da una linea ferroviaria. Stavolta, sul sito di Trenitalia, la pubblicità ingannevole induce il turista a pensare di poter facilmente raggiungere Atena, Casalbuono, Montesano, Padula, Polla, Sala Consilina.

Riattivare la Sicignano-Lagonegro per valorizzare i beni culturali e paesaggistici del Vallo di Diano

Il Comitato per la riattivazione della ferrovia Sicignano – Lagonegro apprende con piacere il ridestarsi della Regione Campania intorno a tematiche fondamentali come il turismo, la mobilità e la cultura. 

E’ notizia dello scorso fine settimana che al fine di perfezionare e ufficializzare le strategie di incentivazione del turismo, a Palazzo Santa Lucia si sono riuniti il governatore Vincenzo De Luca, l’Assessore Corrado Matera e il direttore della Fondazione FS Italiane Luigi Cantamessa.

Fusione FS/ANAS: "57 mln per gli svincoli? Destinateli al tratto Sicignano-Polla”

Non un’idea brillante, ma una soluzione logica e coerente con le centinaia di dichiarazioni che arrivano quotidianamente in merito al rilancio della mobilità su ferro. 

Visto l’annuncio del 13 aprile scorso, quando il ministro Graziano Del Rio ha comunicato una manovra del consiglio dei ministri che prevede la fusione di ANAS in Ferrovie dello Stato, si aprono prospettive interessanti. Integrando di fatto le strade con le ferrovie, è possibile dopo la fusione muovere risorse destinandole ad un’opera piuttosto che ad un’altra.